pasqua-ungherese

Le tradizioni e il folclore della Pasqua in Ungheria

Le tradizioni cristiane e gli antichi riti pagani si fondono nel folclore e nelle usanze della Pasqua ungherese, le cui affascinanti consuetudini hanno conosciuto singolari variazioni di zona in zona geografica. Oggi sopravvivono nelle principali città, per lo più come memoria e traccia del passato, ma fortunatamente sono ancora molto vive in alcune aree del Paese e, specialmente, nelle comunità rurali.

Fra i riti e le usanze del periodo di preparazione alla Pasqua, vale a dire della Quaresima, spicca il “Grande Digiuno” (nagyböjt): come avviene anche in Italia e in molti altri Paesi, sono giornate in cui ci si deve astenere dal mangiare carne. Questo periodo inizia con il Mercoledì delle Ceneri, successivo al martedì grasso (in magiaro húshagyó kedd, letteralmente “Martedì di congedo dalla carne”), giorno per il quale un antico canto/proverbio ungherese dice, con rammarico, che “Il domani non sarà più come oggi”.

Di gran rilievo sono, poi, le celebrazioni della Settimana Santa che precede la Pasqua. La Domenica delle Palme, ad esempio, in Ungheria è chiamata “Domenica dei Fiori” (Virágvasárnap), perché, secondo una secolare tradizione, è il giorno in cui vengono benedetti ramoscelli e fiori vari di stagione. Del resto, saranno proprio i petali di questi fiori, benedetti dopo la Messa, a colorare l’itinerario della processione del cosiddetto “Grande Venerdì” (nagy-péntek): è il venerdì che precede la Pasqua, il giorno più importante della Quaresima, il giorno di digiuno completo in tutto il Paese. Anche in questo caso, per antica tradizione, prima del “Grande Venerdì” ogni casa ungherese doveva essere pulita, il pane sfornato e le uova decorate.

Antiche tradizioni dai mille significati

himestojasIn Ungheria le più sentite e diffuse tradizioni pasquali sono, da remotissima data, la benedizione del cibo e la decorazione delle uova. Quest’ultima è un’usanza cui, fin dall’antichità, era attribuito, specie in primavera, un profondo significato. Secondo una credenza popolare, infatti, i misteriosi simboli dipinti sul guscio erano dotati di potere magico (la mano, la stella o la croce, per esempio, scacciavano le malattie e il maligno). Si è così diffusa, tra gli ungheresi, la consuetudine pasquale di appendere uova dipinte sulla porta di casa o ad alberi e a ramoscelli decorativi. Non per caso, quindi, tra i preparativi che caratterizzano i giorni precedenti la Pasqua, c’è in primo piano proprio la decorazione delle uova. Dopo averne fatto dei veri e propri capolavori di fantasia e colore, gli ungheresi le depongono in un grazioso cesto, poi collocato in bella vista sul tavolo, oppure le appendono su rametti di ginestra. A volte, le uova sono addirittura adornate da piccoli ferri di cavallo!

sonkaUova sode accompagnano anche il piatto pasquale tradizionale, il delizioso prosciutto affumicato Húsvéti sonka (prosciutto pasquale), che si mangia solo in questo periodo dell’anno. Cioccolatini a forma d’agnello, coniglio e uova fanno invece la gioia dei bambini, cui si racconta la fiaba di un coniglietto, che verrebbe appunto a far loro dono di questi dolcetti. Molte famiglie, fra l’altro, amano sorprendere i più piccoli regalando proprio dei coniglietti o pulcini vivi.

La presenza delle uova nelle tradizioni pasquali ungheresi ha molteplici significati. I padrini e le madrine, ad esempio, le offrivano in dono ai propri figliocci all’ingresso della chiesa, come simbolo di vita e risurrezione. Per i bambini ungheresi, invece, scambiarsi le uova decorate (hímestojás) era un modo simbolico per esprimere la loro amicizia. E quando i giovani volevano suggellare un legame importante, essi ricorrevano al “piatto dell’amicizia”, da far benedire: insieme alla bottiglia di vino e al grosso pretzel (pane a forma di treccia), non mancava mai una corona di uova decorate.

Il “Grande Sabato” (nagyszombat) era, invece, il giorno della benedizione del cibo. Collocati in un paniere, si portavano in chiesa il kalács (pane dolce), il prosciutto affumicato, le “uova rosse” (cioè decorate di rosso, colore-simbolo della Resurrezione), il sale e, in alcune località, anche il vino. Questo cibo benedetto era consumato nel giorno di Pasqua, dopo la Messa, e fino a quel momento le uova benedette stavano riposte in un cesto pieno di fiori nella stanza più bella della casa. Nel giorno di Pasqua si mangiava anche carne, ovviamente. E che in Ungheria questo fosse considerato anche come giorno in cui si fa festa mangiando di nuovo carne, dopo quaranta giorni di digiuno, lo dice lo stesso termine ungherese usato per “Pasqua”: Húsvét. Da hús, che significa, appunto, carne.

Scherzi d’acqua nel giorno di Pasquetta

Húsvéti-locsolkodásMolto viva è ancor oggi, in Ungheria, la tradizione secondo la quale il Lunedì di Pasqua è giorno di gran festa per ragazzi e ragazze: le ragazze attendono con ansia l’arrivo dei ragazzi, i quali gettano loro addosso dell’acqua in segno di fecondità e nuova vita. Anzi, è soprattutto per questo singolare rito dell’annaffiamento (Locsolkodás) che in Ungheria si continuano a decorare le uova. Le ragioni stanno, va da sé, in un lontano passato. Infatti, il Lunedì di Pasqua era giorno di numerosi scherzi, che conoscevano forme prossime, addirittura, alla grossolanità.

locsolkodoAccadeva, per esempio, che all’alba i ragazzi visitassero le case delle ragazze del villaggio e, dopo averle svegliate, le trascinassero letteralmente fino al torrente più vicino, per farvele immergere. Madre e sorelle erano le prime vittime designate, seguite a ruota da madrina e amiche. Era normale, per questi baldi giovanotti d’altri tempi, attendersi che le ragazze accettassero di buon grado questo scherzo e che anzi li ricompensassero con uova decorate, pane e vino. Ed era credenza diffusa che questo singolare “bagno” avrebbe trasformato le donzelle in prolifiche ed ottime mogli.

Dal canto loro, le ragazze dipingevano 20 o 30 uova che avrebbero donato al ragazzo per il quale spasimavano, e ne dipingevano tante perché sapevano che il loro amato avrebbe potuto riceverne molte di più dalle altre pretendenti.

Quanto al fortunato destinatario del dono, egli avrebbe dovuto, a sua volta, mettere da parte le uova ricevute per alcune settimane, dopodiché sarebbe stato suo compito controllarle tutte: l’uovo che avesse perso la maggiore quantità di colore, avrebbe indicato inequivocabilmente nella sua decoratrice la ragazza che più ardentemente desiderava il ragazzo.

Generalmente, ogni villaggio aveva chi si occupava di decorare le uova (íróasszony). Si trattava, per lo più, di un’anziana signora, che aveva fatto questo lavoro per tutta la vita, e coloro che non sapevano dipingere avrebbero potuto chiedere a lei le hímestojás, cioè le uova decorate.

locsolkodoAncora oggi, soprattutto nei villaggi di campagna, il Lunedì di Pasqua i ragazzi colgono di sorpresa le fanciulle, bagnandole completamente con secchi o bottiglie piene d’acqua, al canto di stornelli di questo tenore: “Che bel giorno, che bel giorno, oh mio giglio, ti bagno per non farti appassire, acqua per la tua salute, acqua per la tua casa, acqua per la tua terra, acqua! Non urlare, non piangere, non scappare via: l’acqua è benefica!”.

locsolkodo gyerekekIn città, invece, la tradizione si è ingentilita, cosicché ai nostri giorni gli uomini e i ragazzi – e talvolta perfino i bambini – dopo aver chiesto il loro consenso (con una filastrocca breve, ma spiritosa) – spruzzano le ragazze con acqua di rose o con un profumo. Quale ricompensa, essi ricevono dalle fanciulle uova colorate, monete, un bicchierino di grappa o una fetta di dolce.

Per conoscere da vicino le tradizioni ungheresi.

Se trascorrerete le vacanze pasquali in Ungheria, potrete conoscere da vicino le tradizioni locali in vari luoghi e cogliere le opportunità offerte dalle diverse proposte turistiche. Ecco qualche esempio.


hollokoHollókő, piccolo villaggio che si trova a 100 km a nord di Budapest ed è stato dichiarato dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, è una delle località ungheresi dove più intenso è il respiro delle tradizioni pasquali.

hollokoDurante il periodo di queste festività, gli abitanti, vestiti con magnifici costumi popolari, danno vita a cerimonie e spettacoli tipici, con canti e balli che offrono un variopinto spaccato del ricco patrimonio folcloristico ungherese (senza trascurare, naturalmente, le degustazioni di specialità gastronomiche). La Messa di Pasqua è celebrata nella splendida chiesetta di legno del XV secolo, situata al centro del villaggio, e per tutta la giornata si può assistere anche alla preparazione delle caratteristiche e coloratissime uova dipinte.

hollokoIl Lunedì di Pasqua, invece, ha luogo il tipico spettacolo-cerimonia del giorno: i ragazzi non sposati del paese gettano secchi d’acqua fredda sulle ragazze ancora nubili, le quali, in amabile risposta, consegnano loro delle uova dipinte. Qui si svolge anche la mostra e fiera nazionale delle uova di Pasqua. In occasione di quest’evento si può, non soltanto ammirare le uova di Pasqua già decorate, ma anche imparare le varie tecniche di decorazione. Nello spirito di questa manifestazione, dedicata ad antiche usanze ungheresi, gruppi di ballo popolare di bambini ed adulti danno inoltre vita ad uno spettacolo in attesa della primavera.

SzentendreA chi non intende allontanarsi molto da Budapest, e tuttavia desidera partecipare ai festeggiamenti tradizionali della Pasqua, proponiamo di visitare il villaggio-museo di Szentendre.

SzentendreIn un interessante museo all’aperto, infatti, sono state fedelmente ricostruite ed arredate le abitazioni tipiche delle diverse regioni ungheresi. All’interno di queste costruzioni sono allestite esposizioni, botteghe d’artigianato, trattoria ed anche un forno dove il pane è preparato seguendo rigorosamente il metodo tradizionale. Vi si trova, inoltre, una chiesetta, consacrata e in uso. In occasione delle maggiori festività religiose, a Szentendre sono organizzate manifestazioni folcloristiche e gastronomiche, nel corso delle quali si può assistere alla realizzazione di oggetti d’artigianato e visitare mostre permanenti o temporanee in corso. Durante le feste di Pasqua, si è soliti presentare soprattutto usi e tradizioni di numerose regioni ungheresi. Sotto la guida di esperti artigiani, inoltre, i visitatori possono dipingere le tradizionali uova ungheresi.

tojas-muzeumNel villaggio di Zengővárkony, a circa 17 km da Pécs, c’è invece l’originale Museo delle uova decorate a mano. Si trova in un ambiente pittoresco, ai piedi del monte Zengő, che è la cima più alta dei monti Mecsek, e possiede una ricchissima collezione. Raccolte con cura da ogni zona dell’Ungheria (e non solo), le uova sono ripartite per regioni geografiche. Nelle vetrine sono esposti anche oggetti d’arte decorativa raffiguranti il tema dell’uovo, nei suoi molteplici aspetti pratici e simbolici. Il museo, aperto tutto l’anno e in costante sviluppo, prevede anche la realizzazione di una biblioteca specializzata, aperta a visitatori comuni e a ricercatori.

 

Vedere anche la sezione dedicata alla “Pasqua in Ungheria” nel sito Internet dell’Ufficio Turistico Ungherese:

Pasqua in Ungheria

 

(fonte: Ufficio Turistico Ungherese)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...