pallanuoto

Coppa LEN di Pallanuoto Femminile: In finale la Mediterranea Imperia contro il Plebiscito Padova. Sconfitte le ungheresi dello Szentes e le elleniche del Vouliagmeni

IMPERIA – La Mediterranea Imperia si giocherà la finale del LEN Trophy domani sera, alle ore 21, contro il Plebiscito Padova. Il match si svolgerà alla Piscina “Cascione”, che ospita per la prima volta nella sua storia la finale della competizione internazionale per club.

La squadra padovana ha conquistato la finale, battendo le greche del Vouliagmeni per 9-8 nella prima semifinale. La Mediterranea ha guadagnato il pass per la finale, avendo la meglio sulle ungheresi dello Szentes per 11-10 nella seconda semifinale.

Nella prima semifinale il Plebiscito Padova ha battuto le greche del Vouliagmeni 9-8 (parziali 4-2, 1-1, 2-4, 2-1). Determinante il gol di Laura Barzon, autrice di una tripletta, a 2’49 dal termine. Sempre avanti (2-0, 4-2, 5-3), il Padova ha raggiunto persino il +3 (6-3, 7-4), ma poi ha subito il ritorno delle elleniche nella seconda parte del terzo tempo fino al 7-7. Nel quarto tempo (2-1) due gol di Barzon, le parate di Teani e l’ottima difesa in inferiorità numeriche hanno garantito la qualificazione alla finale.

Nella seconda semifinale la Mediterranea Imperia ha sconfitto le ungheresi dello Szentes 11-10 (parziali 5-3, 3-3, 2-2, 1-2). Anche le liguri sono state sempre avanti ed hanno concesso pochissimo alle magiare, che comunque sono riuscite a tornare in scia (10-9 e 11-10 a 1’30 dalla sirena), malgrado fossero addirittura sotto di tre (8-5 e 10-7). La Mediterranea Imperia ha gestito la partita con tranquillità, fino ai due minuti finali. Grande protagonista del match vinto dalle giallorosse di coach Marco Capanna è stata la mancina e capocannoniere del campionato di serie A Giulia Emmolo, autrice di ben 4 gol, di cui 3 nelle prime azioni del match per il 3-1. Vani i cinque gol della mancina Miskolczi, migliore marcatrice dell’incontro.

Comunque vada la finale di domani sera, sarà il nono successo italiano nella competizione nata nel 2000. L’ultima squadra italiana che è riuscita a conquistare il LEN Trophy è stata proprio la Mediterranea Imperia nel 2012.

Di seguito la cronaca del match Hungerit Szentes – Mediterranea Imperia.

Sotto un cielo ricoperto di stelle artificiali, le padrone di casa della Mediterranea incontrano le ungheresi dello Szentes, seconda in classifica nel campionato magiaro. La Piscina “Cascione” è riscaldata da tamburi, trombe e colori giallorossi, così come chiedeva Luca Ramone, il presidente della Mediterranea, per la seconda semifinale. E’ stata una delle partite più belle della storia della Rari, con una super Gorlero. Capanna voleva vincere e ha vinto per 11 a 10.

Primo tempo.

Palla al centro conquistata dall’Imperia. Tiro della magiara Hevesi vola alto. Ma è ancora lo Szentes in avanti con un bel tiro calibrato delle Kover-Kis fuori. Ma ad andare in rete è Giulia Emmolo a 6.29. Mediterranea in vantaggio 1-0. Un batter ciglio e arriva il pareggio dello Szentes con la Miskolczi a 6.05 1-1. Bellissimo pallonetto di Giulia Emmolo che beffa il portiere ungherese: 2-1 a 5.29. Tiro della Pengo di poco fuori. Riparte l’Imperia, ma l’azione sfuma. Ci riprova ancora Giulia Emmolo che trova la rete del 3 a 1 a 4.20. Time out chiesto dallo Szentes a 4.20. Accorciano le magiare con rete della Miskolczi a 3.34. La replica delle giallorosse con Silvia Motta non si fa attendere ed ecco il gol del 4 a 2 a 3.20. Fallo di rigore commesso ai danni della Ralat. Tiro fallito da Giulia Emmolo a 2.35. Rete delle ungheresi con Van Der Sloot: 3-4 a 2.18. Time out richiesto da Capanna a 1.38. Si riparte con un tiro della Pomeri fuori a 1.18. Ma andare in gol è Giulia Motta a 56 secondi dalla sirena 5-3.Tiro della Kadar parato dl portiere di casa Gorlero. Tiro della Drocco allo scadere parato dal portiere. La prima frazione di gioco finisce con la Mediterranea avanti per 5 a 3.

Secondo tempo.

Si riprende con la palla conquistata dall’Imperia. Tiro della Motta parato, ma le giallorosse dimostrano di aver la partita in pugno. Tiro della Van Der Sloot neutralizzato, palla ancora nelle mani delle magiare che sciupano un’altra occasione con la Van Der Sloot. Riparte la Mediterranea, ma perde palla. Rete dello Szentes con la Miskolczi a 6.01 4-5. La palla intercettato da Elisa Casanova si stampa sulla traversa. Rete di Giulia Emmolo a 5.06 per il 6-4. La Pengo riporta a -1 le magiare a 4.30 5-6. Tiro della Miskolczi parato da Gorlero a 3.52. Riparte la Mediterranea con la Pomeri che però non c’entra la rete, ma anzi trova il palo. Time out Szentes a 3.22. Tiro della Van Der Sloot parato in angolo da Gorlero. Fallo sulla Casanova non segnalato dagli arbitri. Bellissima beduina della Casanova che sorprende il portiere ospite 7-5 a 1.15. Fallo in attacco dello Szentes. Rete di Francesca Pomeri a 49 secondi dal termine della seconda frazione 8-5 la Miskolczi accorcia a 24 secondi dal termine 8-6. Fallo in attacco della Casanova. Il secondo tempo finisce 8 a 6 per le padrone di casa.

Terzo tempo.

Palla al centro conquistata dall’Imperia. Fallo di rigore sulla Casanova, che fallisce il tiro. Tiro della Van Der Sloot parato in angolo dalla Gorlero. Ancora le magiare in avanti ottengono un rigore inesistente, fallito dalla Van Der Sloot. Nel frattempo l’allenatore dello Szentes Toth è stato ammonito. Fallo in attacco dell’Imperia. Tiro della Van Der Sloot, para Giulia Gorlero. Time out Szentes a 4.44. A 2.25 accorcia le distanze lo Szentes 9-7. Rete della Mediterranea a 1.21 con la Pomeri 10-7. Barbara Bujka segna la rete del 10-8 per lo Szentes a 42 secondi dalla sirena.

Quarto tempo.

Ultima frazione di gioco molto combattuta con la Mediterranea che spinge sulla sinistra della vasca accompagnata dal grande tifo sugli spalti. In tribuna anche l’assessore alle Manifestazioni Paolo Strescino. I tre ultimi minuti del match sono senza respiro, come ormai la Mediterranea ha abituato da tempo i suoi supporters. Ma si fanno anche vedere le magiare che accorciano le distanze con Pengo. Mancano solo 70 secondi e sono tutti al cardiopalma con il solito Capanna che si sbraccia per richiamare le sue ragazze ad essere più cattive. A quaranta secondi dalla fine c’è solo Mediterranea che spinge ancora sotto la porta delle avversarie. Ultimi 6 secondi e finisce con la Rari in finale.

Il tabellino

Hungerit Szentes – Mediterranea Imperia 10-11 (3-5; 3-3; 2-2; 2-1)

Hungerit Szentes: Bolonyai, Gyori, Hevesi, Van Der Sloot 1, Miskoloczi 5, Gemes, Pocsi, Kadar, Racz, Bujka 1, Kover-Kis 1, Pengo 2, Gundl. Allenatore: Tóth

Mediterranea Imperia: Gorlero, Ralat 1, Borriello, Tedesco, Stieber, Casanova 1, Pomeri 2, Motta 2, Emmolo 4, Bencardino, Drocco 1, Amoretti, Solaini. Allenatore: Capanna

Superiorità numeriche: 5/8 Szentes + 1 rigore fallito (parato da Gorlero); 2/5 Imperia + 2 rigori falliti (palo e parato)

Arbitri: Sergio Galindo (Esp) e Benjamin Mercer (Fra). Del Len Jean Claude Demey (Fra)

Note: Spettatori 450 circa

 

Vedere anche gli articoli:

Coppa-len-di-pallanuoto-femminile-tutto-pronto-a-imperia-per-la-final-four/

Coppa-len-di-pallanuoto-femminile-questo-weekend-torna-il-grande-sport-a-imperia/

 

(fonti: ImperiaPost, Riviera24)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...