Corsa Internazionale Oderzo Città Archeologica

XX Corsa Internazionale Oderzo Città Archeologica: Settima vittoria per l’altoatesina Silvia Weissteiner

ODERZO (TV) – Nuovo trionfo dell’altoatesina Silvia Weissteiner alla XX edizione della Corsa Internazionale Oderzo Città Archeologica. Yassine Rachik, leader della prova maschile. Ai nastri di partenza c’erano molte “stelle” dell’atletica internazionale (sei le nazioni rappresentate, tra cui l’Ungheria). Il 1° maggio ha regalato emozioni e divertimento sulle strade della cittadina veneta. Peccato solo per il maltempo, che ha accompagnato gran parte del pomeriggio, complicando l’impegno organizzativo della Nuova Atletica Tre Comuni. Ma la festa non è mancata, tra figuranti vestiti da antichi romani e ospiti eccellenti, come il trio formato da Orlando Pizzolato, Gianni Poli e Salvatore Bettiol, un pezzo di storia della maratona azzurra.

Silvia Weissteiner ha confermato il feeling con le strade di Oderzo, trionfando per la settima volta (seconda consecutiva, dopo il filotto di successi infilato dal 2005 al 2009), ai piedi del Torresin, la caratteristica torre con l’orologio che svetta su Piazza Grande. La gara si è decisa nell’ultimo chilometro, quando l’altoatesina ha allungato la sua falcata leggera sull’asfalto bagnato, andando a staccare Anna Incerti e Barbara Bressi, un’outsider che, per tutta la gara, è stata capace di seguire come un’ombra le più titolate avversarie. “Sapevo che arrivando all’ultimo giro con la Weissteiner non avrei avuto scampo. Ho provato a fare la selezione prima, ma Silvia è stata più brava: queste, del resto, sono le sue distanze”, ha commentato Anna Incerti, reduce dalla buona prova offerta alla maratona di Nagoya d’inizio marzo e già preselezionata per i 42,195km di Rio 2016. Il cambio di ritmo di Silvia Weissteiner è stato, ancora una volta, micidiale: “Ho faticato all’inizio, ma poi non ho avuto problemi. Oderzo è una gara che mi piace tantissimo. Un bel modo per iniziare una stagione, che non so ancora dove mi porterà. Dopo i tanti infortuni degli ultimi anni, preferisco vivere alla giornata”.

Con Andrea Lalli presente in Piazza Grande solo in veste di spettatore, a causa del riacutizzarsi di un problema tendineo, la gara maschile è vissuta sulla fuga di un terzetto, formato da Yassine Rachik, Ahmed El Mazoury e dal diciottenne ugandese Fred Musobo, già davanti a tutti dopo un paio di chilometri di gara. A poche centinaia di metri dall’inizio del penultimo giro, l’ancora 21enne Rachik ha progressivamente allungato, staccando Musobo ed El Mazoury. Quest’ultimo ha poi superato l’ugandese in volata, agguantando la piazza d’onore, dopo la vittoria del 2013.

Il pomeriggio opitergino era iniziato con le gare del Grand Prix Giovani. Poi è toccato al 19° Trofeo Mobilificio Vittoria, la passerella dedicata ai diversamente abili, in cui l’atleta più applaudito è stato la stella di casa, Alvise De Vidi. In mattinata, successo per il debutto della Gladiatorum Race, la corsa in costume romano che ha anche inaugurato il circuito “42 di Marca”, un tris di gare (seguiranno la Corritreviso, il 26 giugno, e la Mezza di Treviso, l’11 ottobre) la cui somma dà esattamente la distanza della maratona.

RISULTATI/Results

UOMINI (9.800m): 1. Yassine Rachik (Cento Torri Pavia) 28:16, 2. Ahmed El Mazoury (Fiamme Gialle) 28:23, 3. Fred Musobo (Uga) 28:24, 4. Marco N. Salami (Esercito) 28:49, 5. Isaac Kiprop (Uga) 28:52, 6. Simone Gariboldi (Fiamme Oro) 28:55, 7. Giovanni Gualdi (Corrintime) 28:57, 8. Francesco Bona (Aeronautica) 29:23, 9. Markus Ploner (Sterzing Volksbank) 29:26, 10. Rok Puhar (Slo) 29:33, 11. Tamás Kovács (Hun) 29:35;

DONNE (5.470m): 1. Silvia Weissteiner (Forestale) 17:44, 2. Anna Incerti (Fiamme Azzurre) 17:50, 3. Barbara Bressi (Self Montanari Gruzza) 17:56, 4. Federica Dal Ri (Esercito) 17:59, 5. Martina Merlo (Aeronautica) 18:11, 6. Valentina Costanza (Esercito) 18:12, 7. Yusneysi Santiusti Caballero (Cus Pisa Atl. Cascina) 18:21, 8. Michela Zanatta (Biotekna Marcon) 18:23, 9. Giovanna Epis (Forestale) 18:29, 10. Paula Todoran (Rom) 18:29… 15. Anissa Zsófia Badis (Hun) 19:13; … 18. Lívia Tóth (Hun) 19:19;

 

Vedere anche l’articolo:

XX-corsa-internazionale-oderzo-citta-archeologica-tra-i-top-runners-gli-ungheresi-tamas-kovacs-e-livia-toth/

 

(fonte: Nuova Atletica Tre Comuni)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...