kamilia-kard

”Viaggio al termine della notte” a Bologna: La Galleria Spazio Testoni si ispira a Céline per la mostra collettiva di 5 giovani artisti, tra cui l’ungherese Kamilia Kard

BOLOGNA – La Galleria Spazio Testoni inaugura stasera a Bologna, dalle 18:30 alle 20:30, una mostra collettiva di cinque giovani artisti italiani e stranieri, selezionati dal critico d’arte e curatore Alberto Mattia Martini: Dragan Milos, Giulia Bersani, Kamilia Kard, Marco Schifano e Thomas Berra. “Viaggio al termine della notte” è il titolo che il curatore ha dato a questa esposizione, ispirandosi all’omonimo libro di Louis-Ferdinand Céline, per offrirci spunti di riflessione sulle attuali forme espressive, partendo dai percorsi creativi intrapresi da cinque giovani artisti, in questi anni di difficili mutamenti sociali, culturali ed esistenziali per l’intera umanità.

Le opere presenti in questo progetto rivolgono l’attenzione ad un atavico dialogo tra uomo e natura e, tra nascita e sviluppo, propongono anche una riflessione sul fluire del tempo, sull’evoluzione della coscienza e della conoscenza, che fanno maturare le esperienze naturali o trascendentali.

Tra tecnologia dominante e desiderio di ritrovare la perduta condizione umana naturale, le opere sembrano suggerire come tutte le risposte agli interrogativi dell’uomo che, timidamente, costellano questo viaggio notturno, siano da ritrovare dentro l’animo di ciascuno e come solo nella relazione con l’«altro» sia plausibile un proficuo scambio di esperienze. Passato, presente, futuro, tecnologia, natura, aspirazioni ed ambizioni si possono ridimensionare e, finita la notte, il singolo individuo potrà ritrovare la piccola vittoria di una umanità riconquistata.

Come scrive per questa mostra Alberto Mattia Martini: “…Notte, intesa come luogo dove tutto può accadere, viaggio non solo tangibile, ma anche immaginario, nel razionale e nell’inconscio, passando dalla forza della naturalità a quella utopica del sogno e del timore della solitudine, attraverso la storia dell’arte e del mito, terminando l’itinerario nel mondo virtuale…”

Le immagini fotografiche, in grande formato, di Marco Schifano, di Roma, mettono in dialogo la natura con l’essere umano e con il mondo animale.

La videoproiezione della giovane italo-ungherese Kamilia Kard, che vive e lavora a Milano, ci fa interagire con i personaggi dei quadri di Hieronymus Bosch all’interno dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso, alla ricerca di un luogo “virtuale” in cui identificarci.

Le fotografie, in piccolo formato, della giovane milanese Giulia Bersani mostrano attimi privati d’intimità, in cui rifugiarci per ritrovare noi stessi.

Thomas Berra, di Milano, con le opere del suo Black Project, propone squarci di grandi quadri degli Antichi Maestri, riappropriandosi dei miti e dei valori che li hanno resi immortali.

Le potenti opere pittoriche di Dragan Milos, originario di Sarajevo, in Bosnia, e che oggi vive e lavora tra l’Italia e l’Inghilterra, con la forza del segno e del colore riesce a comunicarci storie mitologiche e di vita reale.

 

Viaggio al termine della notte. Dragan Milos, Giulia Bersani, Kamilia Kard, Marco Schifano, Thomas Berra
a cura di Alberto Mattia Martini

22 maggio – 4 luglio 2015

Galleria Spazio Testoni
Via D’Azeglio 50, Bologna

Orari: da martedì a venerdì 16.00-20.00; sabato 10.30-13.00 e 16.00-20.00; domenica, lunedì e altri orari su appuntamento

Info: +39 051 371272; +39 335 6570830
info@spaziotestoni.it
http://www.spaziotestoni.it

 

(fonti: Artribune, Espoarte)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...