Robert-Capa-in-Italia-Troina-4-5-agosto-1943

”Robert Capa in Italia 1943-1944”: Inaugurata a Troina la mostra del grande maestro dello scatto di origine ungherese

TROINA (En) – Dopo il successo di Roma, Firenze, Genova e Milano, arriva anche in Sicilia la mostra dedicata al grande fotoreporter di origine ungherese Robert Capa, che racconta gli anni della Seconda Guerra Mondiale in Italia. In collaborazione con la Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia ed il Museo Nazionale Ungherese di Budapest, il Comune di Troina ospiterà, infatti, dal 5 luglio al 30 settembre, la mostra fotografica “Robert Capa in Italia 1943-1944”.

L’esposizione racconta lo sbarco degli Alleati in Italia, attraverso gli occhi di colui che è considerato il padre del fotogiornalismo, uno dei più grandi fotografi di tutti i tempi, che ha saputo guardare da vicino gli eventi, affiancandosi al dolore: “se le tue fotografie non sono all’altezza, non eri abbastanza vicino” diceva Robert Capa.

Le 78 fotografie che saranno esposte mostrano una guerra fatta di gente comune, di piccoli paesi ridotti in macerie, di soldati e di civili vittime di una stessa strage, tutto trattato da Capa con la stessa solidarietà che gli permette di fermare la paura, l’attesa, l’attimo prima dello sparo, il riposo, la speranza.

La scelta del Comune di Troina di ospitare l’importante evento culturale non è casuale. Il servizio giornalistico di Capa, dedicato alla famosa “Battaglia di Troina”, venne pubblicato nell’agosto 1943 sulla celebre rivista americana LIFE. Da lì inizierà un proficuo rapporto di collaborazione che farà diventare Capa uno dei più grandi fotoreporter di tutti i tempi. Una parte significativa degli scatti che saranno esposti riprendono lo sbarco alleato in Sicilia e, in particolare, i giorni cruenti della Battaglia di Troina.

Inaugurata a Troina il 4 luglio, presso la Torre Capitania di via Conte Ruggero, la mostra fotografica “Robert Capa in Italia 1943-1944” è stata organizzata dal Comune di Troina, in collaborazione con la Fondazione Alinari e il Museo Nazionale di Budapest, con il patrocinio dall’Assessorato Regionale al Turismo, dell’Assemblea Regionale Siciliana, Parco dei Nebrodi e Azienda Speciale Silvo Pastorale, e sponsorizzata da Snam Rete Gas, Banca di Credito Cooperativo La Riscossa di Regalbuto, Mandarin e Gemmo spa.

Alla presentazione dell’esposizione, svoltasi nella “Sala Miani” dell’ex carcere borbonico e moderata dal giornalista Silvano Privitera, hanno preso parte le autorità civili e religiose ed una delegazione di militari provenienti dalla base militare di Sigonella.

Ad aprire l’incontro, la lettura di una lettera inviata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che, non potendo presenziare personalmente alla cerimonia, ha fatto pervenire i propri auguri, unitamente alle congratulazioni per la realizzazione dell’evento. Oltre al Sindaco Fabio Venezia, sono intervenuti il Professore Silvestro Livolsi, il Direttore Generale del Museo Nazionale Ungherese László Csorba ed Emanuela Sesti, in rappresentanza della Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia.

“Ospitare oggi a Troina queste uniche e straordinarie immagini – ha dichiarato il Sindaco Fabio Venezia – è per me e per tutti i troinesi, non solo motivo di grande fierezza e orgoglio, ma anche la realizzazione di un sogno e di un miraggio a lungo inseguito. Ringrazio i presenti intervenuti, tutti coloro che, a vario titolo, hanno lavorato dedicando anima e corpo e rendendo possibile la realizzazione di questo straordinario evento, gli Enti che hanno patrocinato la nostra iniziativa e gli sponsor che ci hanno sostenuto con il loro contributo economico. Ci auguriamo che questi scatti, in cui Capa ha saputo cogliere con rara maestria espressioni e tratti tipici della comunità troinese, siano fiore all’occhiello e motivo di grande visibilità per il nostro territorio, nell’ottica del modello di sviluppo locale e del centro storico che stiamo perseguendo attraverso la vivacità culturale e la crescita economica”.

Dopo il taglio del nastro tricolore, la curatrice della mostra Beatrix Lengyel, del Museo Nazionale Ungherese, ha illustrato e accompagnato le autorità presenti tra i 78 scatti in bianco e nero, allestiti al secondo piano della Torre in quattro sale espositive tematiche, una delle quali è stata interamente dedicata a Troina.

A conclusione delle serata, alle ore 21:00, in piazza Conte Ruggero, l’Orchestra e il Coro dell’Associazione culturale musicale “Corale San Matteo” hanno tenuto un concerto di musica classica, diretto dal Maestro Giuseppe Liccardi. L’evento e’ stato promosso dall’Amministrazione Comunale, in occasione dei festeggiamenti del 70° anniversario di sacerdozio e del 93° compleanno di Padre Luigi Ferlauto, fondatore dell’Oasi Maria Santissima, ricorsi rispettivamente l’1 e il 2 luglio scorso.

Tra la prima e la seconda parte del concerto, alle ore 21:30, e’ stata accesa la nuova illuminazione artistica dell’antico monastero basiliano di “San Michele il vecchio”. Un’idea concretizzata e predisposta dal Comune, ma fortemente voluta da Padre Ferlauto e pienamente condivisa dall’Amministrazione Comunale.

“Il monastero di San Michele Arcangelo – ha spiegato il Primo Cittadino – ha un grande valore simbolico per i troinesi, non solo perché e’ stato il primo cenobio greco di Sicilia dopo la dominazione araba, ma anche perché in questa antica e importante struttura religiosa visse e indossò l’abito monastico il nostro santo patrono San Silvestro. Illuminare artisticamente l’antico monastero basiliano è un modo per valorizzarlo e accendere i riflettori su un monumento di grande rilevanza storica, artistica e culturale come quello attuale”.

La mostra fotografica di Robert Capa – fino al 30 settembre prossimo – sarà visibile al pubblico, presso la Torre Capitania di via Conte Ruggero 47, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e il venerdì, il sabato e la domenica con doppia apertura dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 18:00 alle ore 22:00.

 

Vedere anche l’articolo:

Robert-capa-in-italia-1943-1944-prorogata-la-mostra-del-grande-maestro-dello-scatto-di-origine-ungherese/

 

(fonti: LiveSicilia, Mammoth’s Reflex)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...