son-of-saul

Sarajevo Film Festival 2015: Il film ungherese “Son of saul” in concorso per il premio “Heart of Sarajevo”

SARAJEVO – Il Sarajevo Film Festival (dal 14 al 22 agosto) ha reso pubblico il programma principale, inclusi i lungometraggi e i corti in concorso, e il programma della sezione In Focus. Il film ungherese Son of Saul, già vincitore del Grand Prix a Cannes, sarà in lizza per il premio Heart of Sarajevo.

Il programma della competizione dei lungometraggi include due anteprime mondiali, e sei titoli su dieci sono film d’esordio. Our Everyday Life, il primo film della regista bosniaca Ines Tanović, meglio conosciuta per il cortometraggio A Day on the Drina (2012), vincitore allo ZagrebDox Festival. L’altra anteprima mondiale arriva dalla Turchia: Entanglement di Tunç Davut, anch’essa un’opera prima. Un altro esordio alla regia sarà presentato in anteprima durante il festival, vale a dire Coming Home del regista romeno Andrei Cohn. Il suo cortometraggio Family Pictures è stato in concorso a Sarajevo nel 2013.

Il resto della line-up include première regionali. Tra queste vi sono Chevalier, il seguito di Attenberg (2010) della regista greca Athina Rachel Tsangari; e Superworld del regista austriaco Karl Markovics, presentato al Forum della Berlinale. Markovics in passato ha vinto il Premio per il Miglior Film a Sarajevo con il suo Breathing (2011).

Cinque titoli già in concorso a Cannes saranno in concorso per il premio Heart of Sarajevo: il vincitore del Grand Prix Son of Saul dell’ungherese László Nemes; Mustang del regista turco Deniz Gamze Ergüven, vincitore dell’Europa Cinemas Label Award alla Quinzaine des Réalisateurs; il vincitore del premio della giuria Un Certain Regard The High Sun di Dalibor Matanić; The Treasure  dell’autore romeno Corneliu Porumboiu, vincitore del premio Un Certain Talent; e Panama diretto dal serbo  Pavle Vučković, che è stato tra gli Special Screenings a Cannes.

Il programma della competizione dei cortometraggi include tre première mondiali: Damaged Goods di Nermin Hamzagić (Bosnia-Herzegovina), A Matter of Will di Dušan Kasalica (Montenegro) e A Random Act of Kindness di Andrei Gruzsniczki (Romania). Sono in competizione anche Tuesday del regista turco Ziya Demirel, in lizza anche al Festival di Cannes, Zeus del bulgaro Pavel Vesnakov, che ha ricevuto una serie di riconoscimenti con Pride nel 2014, inclusi il Grand Prix a Clermont-Ferrand e l’Heart of Sarajevo per il miglior cortometraggio l’anno scorso; e With Many Things to Come diretto da Jelena Gavrilović (Boys Where Are You).

Infine, la sezione In Focus del Sarajevo Film Festival sarà tradizionalmente dedicata ai film che hanno lasciato il segno nel cinema mondiale e regionale durante l’ultimo anno. Quest’anno, include il vincitore dell’Orso d’Argento Aferim! di Radu Jude, vincitore del premio Heart of Sarajevo per il miglior cortometraggio con Shadow of a Cloud; No One’s Child di Vuk Ršumović; i due titoli provenienti da Venezia Goodnight Mommy diVeronika Franz e Severin Fiala, e Sivas di Kaan Müjdeci; il concorrente al premio Un Certain Regard One Floor Below di Radu Muntean; e You Carry Me diretto dalla croata Ivona Juka, che è stato recentemente presentato in anteprima mondiale al Festival di Karlovy Vary nella sezione East of the West.

 

Vedere anche gli articoli:

Cannes-2015-successo-alla-croisette-degli-allievi-del-torino-film-lab/

Cannes-2015-la-federazione-internazionale-della-stampa-cinematografica-premia-il-cineasta-ungherese-laszlo-nemes/

Cannes-2015-i-giornalisti-italiani-intervistano-il-cineasta-ungherese-laszlo-nemes/

Cannes-2015-palma-doro-per-jacques-audiard-e-grand-prix-a-son-of-saul-dell-ungherese-laszlo-nemes-nessun-premio-per-l-italia/

Cannes-2015-incontro-col-cineasta-ungherese-laszlo-nemes/

Cannes-2015-il-primo-lungometraggio-dell-ungherese-laszlo-nemes-stupisce-per-il-suo-approccio-viscerale-alla-shoah/

Cannes-2015-il-cinema-ungherese-sbarca-sulla-croisette/

Cannes-2015-debutto-ad-effetto-per-son-of-saul-l-opera-prima-del-regista-ungherese-laszlo-nemes/

Cannes-film-festival-2015-tre-film-italiani-in-concorso-selezionato-anche-un-film-ungherese/

Cinema-white-god-l-ungheria-di-ieri-e-oggi-nella-storia-di-un-cane-e-di-una-ragazzina/

 

(fonte: Cineuropa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...